Melendugno

Chiesa Madre
Chiesa Madre

Nella parte centro orientale del Salento, si nasconde un luogo meraviglioso che risponde al nome di Melendugno. Un piccolo centro agricolo, reso prezioso dalle sue splendide marine, tra le quali appunto San Foca.

La costa qui è caratterizzata infatti, da sabbia molto fine e basse dune, contornate da un mare limpido e meravigliosamente azzurro, in grado di regalare dei paesaggi naturalistici di rarissima bellezza. La storia di Melendugno parte da molto lontano, ed esattamente dall’età del Bronzo, alla quale risalgono le prime testimonianze dell’esistenza di questo centro.

Nelle immediate campagne di Melendugno infatti, è possibile ammirare ancora oggi due dei reperti megalitici più importanti della zona, ovvero il dolmen Placa e il dolmen Gurgulante. Molto caratteristico è anche il centro storico della città, nel quale è possibile visitare numerosi trulli e case a corte medievali, senza dimenticare il Palazzo Baronale D’Amelj, chiamato anche castello, rappresentato da una grande torre poligonale.

Molto affascinanti anche gli edifici religiosi qui presenti, come la Chiesa madre di Maria SS. Assunta, risalente al XVI secolo, all’interno della quale si possono ammirare altari seicenteschi e ben diciannove sepolture collocate sotto il piano pavimentale.

E poi ancora l’Abbazia di San Niceta, fondata addirittura nel 1167 e retta dai monaci basiliani, e la Chiesa dell’Immacolata, costruita nel 1666 ai margini della città, vicino la porta che conduceva anticamente a San Foca.

Melendugno è un centro dalle mille caratteristiche, tutte molto affascinanti, ricco di storia e tradizione, che si snodano in luoghi particolari ed evocativi, tutti da visitare.